Le news


I terremoti umbro-abruzzesi del 1702-1703 ©

Fig. 1: epicentri ipotetici dei principali eventi delle sequenze sismiche del 1702-1703 nell’Appennino umbro-abruzzese, escluso quello non localizzato del 16/01/1703 (Fonte: CPTI04). I terremoti umbro-abruzzesi del 1703

Il terremoto di Aquila del 2 febbraio 1703 fu uno degli eventi principali di una serie di sequenze sismiche che si manifestarono nell'Appennino umbro-reatino-abruzzese tra il 1702 e il 1703. Nel corso del II millennio, quella del 1702-1703 fu una delle più gravi crisi sismiche dell'Italia centrale per numero di vittime, numero dei centri abitati distrutti o gravemente danneggiati, estensione dell'area di risentimento delle scosse. I danni più gravi si registrarono in un'ampia regione che si estende da Norcia (bassa Umbria) ad Aquila (alto Abruzzo) mentre danni minori o semplice percezione delle scosse furono registrati dalla Romagna fino a Napoli con danni importanti in diverse città come ad esempio Roma e Spoleto. Sul dettaglio dei danni di ciascun centro abitato così come per le conseguenze socio-economiche di questi accadimenti è stato scritto molto e pertanto si rimanda ad apposita bibliografia. Per Aquila si possono ricordare, a titolo di curiosità, l'adozione dei colori civici nero e verde e lo slittamento dell'inizio del Carnevale al 3 febbraio ossia il giorno successivo alla ricorrenza del grave terremoto.

Nello specifico si vuole invece ripercorrere la cronaca di quei mesi che culminarono nella forte scossa del 2 febbraio 1703.

Secondo quanto riferiscono le principali fonti storiche disponibili, la crisi sismica registrò un primo importante evento nell'Appennino umbro il 18/10/1702 con una scossa di magnitudo momento (Mw) stimata in 5.2 (CPTI04) con epicentro ipotetico a circa 5 km a nord di Norcia. Seguirono alcuni mesi di ripetute scosse di minore entità fino all’inizio del 1703 quando cominciò la fase più violenta di questa serie di sequenze sismiche.

Il 14 gennaio 1703 un forte terremoto stimato in Mw 6.8 distrusse Norcia e il suo circondario così come molti centri della valle del Velino, in particolare Cittareale; parzialmente distrutti o gravemente danneggiati anche i centri delle aree di Campotosto e Montereale. Gli effetti massimi vengono stimati intorno al grado XI della scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) [nota 1]; la distribuzione geografica dei danni fa supporre una direttrice di propagazione del terremoto verso sud. Danni importanti si registrarono anche ad Aquila con lesioni e crolli parziali ed isolati sia di edifici privati sia di alcuni campanili. Danneggiata anche Spoleto mentre danni rilevanti ma meno gravi si registrarono a Roma [nota 2]. Il 16 gennaio seguì una replica, con epicentro non localizzato ma con effetti massimi stimati al grado VIII MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) [nota 3], che provocò altri crolli nell'area di Norcia e ulteriori danneggiamenti nei centri al confine umbro-abruzzese [nota 4]. Ancora oggi, camminando per le vie di Norcia, come di altri centri dell’area interessata, è possibile vedere i segni indiretti di questi e di altri terremoti: tra gli elementi che risaltano maggiormente, oltre alle testate delle catene sui muri degli edifici, si notano costruzioni basse frequentemente con muri 'a scarpa' dallo spessore e dalle pendenze molto pronunciate, come ad esempio i muri perimetrali della concattedrale di Santa Maria Argentea a Norcia; altro indice della ricostruzione sono gli interni settecenteschi con copertura lignea delle chiese ‘innestati’ negli involucri più antichi risparmiati dai crolli, soluzioni che richiamano molto da vicino, anche nel linguaggio, quelle adottate nella ricostruzione successiva al 1703 di molti edifici di culto della nostra città.

Dopo le scosse di gennaio, nonostante il quadro dei danni e il perdurare delle repliche, nella città di Aquila pare che non siano state adottate particolari precauzioni a differenza di quanto era accaduto durante la sequenza sismica del 1461 [nota 5] quando, sia prima sia dopo la scossa del 26 novembre, il vescovo Amico Agnifili e le autorità civili cittadine avevano provveduto ad allestire ripari di emergenza in baraccamenti situati nelle piazze principali della città e nelle aree libere dentro le mura [nota 6]; ciò aveva permesso di limitare il numero delle vittime. Non accadde così nel 1703, periodo in cui Aquila, così come la maggior parte d'Italia, aveva alle spalle oltre un secolo e mezzo di occupazione spagnola che aveva isolato la città dal suo contado e l'aveva oppressa economicamente privandola degli antichi privilegi fiscali e sottoponendola ad una pesante tassazione; al governo delle Arti, espressione di una città economicamente dinamica, era subentrato un governo dei Nobili che accompagnò un mutamento dell'economia locale: da quella produttiva, mercantile e artigiana, a quella di rendita che fondava la propria ricchezza sulle proprietà terriere e immobiliari, a beneficio di un ristretto ceto nobiliare che aveva acquisito o ampliato i propri possedimenti a seguito della suddivisione 'feudale' del contado effettuata dagli occupanti spagnoli. Sempre nel 1703 la sede vescovile aquilana era vacante dopo l'allontanamento del Vescovo dalla città ed era retta da un Vicario Capitolare [nota 7]. In questo quadro di precarietà materiale, politica e socio-economica si verificò la scossa di terremoto che il 2 febbraio 1703, intorno alle ore 12,00 (CPTI04), andò a colpire una città resa più vulnerabile dalle precedenti scosse del 14 e del 16 gennaio precedenti, sorprendendo centinaia di persone radunate nelle chiese per le celebrazioni della 'Candelora' (secondo alcune fonti si contarono circa 600 vittime nella sola chiesa di San Domenico). L'epicentro ipotetico del terremoto è stato localizzato nell'alta Valle dell'Aterno, nell'area tra Montereale e Pizzoli, con probabile propagazione verso sud-est, potenza stimata in Mw 6.7 ed effetti massimi intorno al grado X della scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) [nota 8]. In base alla magnitudo momento si può parlare di un terremoto quattro volte più potente sia di quello del 1461 sia di quello recente del 2009. L'impatto sul territorio fu molto pesante e si andò a sommare a quello del terremoto di Norcia di 19 giorni prima: i centri tra Amatrice, Cittareale, Posta, Borbona e Montereale, già semidistrutti dalle scosse di gennaio, vennero rasi al suolo così come Pizzoli, Barete ed altri castelli dei dintorni vicini all'epicentro. Nella città di Aquila, semidistrutta dall'evento, oltre al crollo di gran parte delle chiese, sono stati stimati crolli totali per il 35% degli edifici privati,con danni particolarmente concentrati nei Quarti di San Giovanni (o San Marciano) e San Pietro. Importanti danni si registrarono nella città di Roma come raccontano le cronache dell'epoca, nel reatino, ancora in Umbria, e nell'Abruzzo costiero [nota 9]

La scossa del 2 febbraio 1703 provocò oltre 2000 vittime ad Aquila [nota 10], oltre 6000 considerando il contado. Pochi giorni dopo il sisma giunse dalla capitale Napoli il marchese Marco Garofalo, incaricato dal Viceré per la gestione della prima emergenza e contemporaneamente si decretava per la città la sospensione del pagamento delle tasse per i successivi dieci anni; il marchese rimase in città fino al mese di maggio dello stesso anno coordinando le operazioni di soccorso, l'abbattimento degli edifici pericolanti, lo sgombero delle strade principali dalle macerie, il ripristino dei forni per la produzione del pane e di altre funzioni essenziali. Nelle stesse settimane si realizzarono 92 baracche in Piazza del Mercato per ospitare le principali istituzioni civili e religiose nelle immediate vicinanze delle loro sedi distrutte, senza allontanarle dalla città; poco dopo il terremoto fu eletto il nuovo Camerlengo della città in quanto il predecessore, così come il Vicario Capitolare, era tra le vittime del terremoto.

In conclusione di questo breve excursus sui terremoti del 1703 è opportuno lasciare spazio a qualche passo tratto dalle fonti, dirette e indirette, che raccontano dell'accaduto;


- scossa di terremoto di domenica 14/01/1703:

"Circa le due ore della notte [circa le ore 18,00, n.d.r], giorno di domenica li 14 gennaio 1703 fù così terribile terremoto, che si credè essere già la vigilia del giorno del giudizio universale, perché con lo strepitio e sgomento dello scotimento della terra ci fù accompagnato un vento grandissimo ed una pioggia tanto grande, che convenne a molti perire sotto le macerie e ruine del terremoto per non restare annegati nell’acqua.

Fù cosi terribile terremoto che alle prime scosse di ore tre che furono in un medesimo tempo, che restarono morti nel distretto di Leonessa ottocento persone, numero grande di animali, il castello di Terzone, S. Angelo, Pianezza, Colle Secco e Vallimpuni spianati affatto; e l’altre ville parte diroccate e parte con le case mezze rotte.

Solo questa villa di Casanova e Vallunga con il piano di Leonessa restarono in piedi.

Leonessa restò dannificata dentro di essa con la ruina di S.Pietro che cadè la chiesa, la tribuna di S.Francesco, il palazzo priorale, quello della cura di S.Spirito, e molte case caderono, li morti dentro di essa furono quarantadue.

A quella sera seguì il moto continuo della terra per quarantotto ore di moto che fù forzata ogni persona uscir fuori in campagna con lasciare la casa e le sue robe in abbandono per salvare la propria vita.

E fra le dette quarantotto ore vi furono quasi ad ogni ora scosse di terra che pare volesse aprirsi.

Passate le quarantotto ore, ogni giorno si fecero sentire altre scosse con così grave timore che ognuno aveva la morte davanti gli occhi e seguitarono notte e giorno dedicato alla B. Vergine Maria." (Giovannantonio Petroni; fonte: http://www.piedelpoggio.it/terremoto.htm );

 

- scossa di terremoto del 2/2/1703:

"Già si credeva che Dio avesse per sua misericordia placato il suo sdegno, quando circa le 18 ore del detto 2 febbraio si fè sentire si terribile e così lungo terremoto con scosse in un medesimo tempo che quelle ville e case che non erano cadute nelli antecedenti terremoti, caddero e in quei interno restarono distrutte, Viesci, San Clemente e Piedelpoggio.

Si senti poi che la città di Aquila restò subissata e vi morirono circa quattromila persone e come si dice, si è fatto il conto che nei luoghi offesi dal terremoto in tutto siano morti circa 22000 persone.

A quello del 2 febbraio oltre agli altri seguiti ogni dì mediocri e gagliardi ne seguì un altro parimenti terribile nel giorno di Pasqua e poi sempre seguirono ma non con tanta veemenza e terrore ne così spesso e ancora si vanno sentendo benché sia li 28 settembre dell’anno 1704 che si scrive questa data memorabile.

Questa villa di Casanova che rimase tutta in piedi senza perire nessuna persona fecero voto assieme al curato, e solenne giuramento di celebrare la festività del SS.mo Nome di Gesù il 14 gennaio di ogni anno con quella pietà e magnificenza che lo permetterà la devozione di confessarsi e comunicarsi in ringraziamento di tanto benefizio ricevuto, per restare tutti vivi e salvi e non aver ricevuto offesa ne alla vita e ne nella roba." (Giovannantonio Petroni; fonte: http://www.piedelpoggio.it/terremoto.htm );


"[…] rovinò buona parte della città [Aquila, n.d.r.], e fu veduto in piu' luoghi aprirsi la terra […] la terra continuamente esalava puzzolenti vapori, l'acqua nei pozzi cresceva e gorgogliava, gli acquedotti della città rimasero infranti, e per 22 ore la terra si sentì muovere." (Anton Ludovico Antinori, Annali);

"Infatti ricordiamo qui il funesto tremuoto del 2 febbraio del 1703 in cui la città di Aquila fu quasi interamente adeguata al suolo dalla più tremenda e dalla più irresistibile di tutte le naturali violenze. E veramente era stupore grande il vedere ridotti a un masso di pietre e di aride ceneri i sontuosi Tempî con tante cure e tanta profusione di ricchezze edificati; e con essi i monasteri, i conventi, gli ospizii, i campanili, le case, i palagî, i porticati: ogni cosa insomma in indicibile precipizio. Potrei aggiungere a questo la morte di tremila e più cittadini, e gli altri tutti in tanto terrore che, disperatamente fuggendo, si trassero dolorando il loro infortunio in mezzo agli aperti campi. E n’avean ben donte; che la terra scossasi violentemente alle ore diciotto, continuò a muoversi fino alle ore 16 del giorno susseguente." (SIGNORINI, 1868; vol. II, pp. 133-134);

"La città dell'Aquila fu, non è; le case sono unite in mucchi di pietra, li remasti edifici non caduti stanno cadenti. Non so altro che posso dire di più per accreditare una città rovinata" (Marco Garofalo, Marchese della Rocca, Lettera al Viceré di Napoli).

Le righe estratte dalla lettera del marchese Garofalo, indirizzata al Viceré per informarlo della situazione, lasciano immaginare con poche parole come potesse presentarsi la città di Aquila ai suoi abitanti e a chi vi giungesse nelle prime ore e nei primi giorni dopo la scossa principale del 2/2/1703. Tuttavia anche in questa occasione è importante evidenziare la capacità di reazione della popolazione che fu la principale forza che determinò la rinascita della città, nonostante la mancanza di una forte autorità pubblica e i limiti materiali, economici e tecnologici dell'epoca e nonostante il tentativo, dall'esterno, di incentivare l'abbandono della città da parte dei superstiti a favore di altri territori confinanti, come hanno sottolineato recenti ricerche storiche.

L’abbandono non si verificò e la determinazione degli Aquilani dell'epoca ha garantito un seguito alla storia della città.

 

Mauro Rosati ©

Archeoclub d’Italia - Sede L'Aquila

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Note

Nota 1: la scala MCS, articolata in 12 gradi, non misura la potenza di un terremoto ma la sua intensità sulla base della percezione e degli effetti della scossa che possono dipendere da fattori variabili di vulnerabilità come la densità abitativa della zona colpita, la qualità edilizia, la tipologia del suolo, la distanza dall’epicentro, la profondità dell’ipocentro, ecc.. Per tali motivi non esiste una proporzione rigida tra la scala MCS e la misura del terremoto in magnitudo; in alcuni casi, eventi di magnitudo media possono provocare danni importanti o viceversa. 

Nota 2: in base ai cataloghi storici, nel caso del terremoto del 14/01/1703 tra i centri più colpiti risultano:

- Cittareale (grado XI MCS, catastrofica);

- Antrodoco, Borgo Velino, Montereale, Norcia, Accumoli (grado X MCS, completamente distruttiva);

- Borbona, Posta (grado IX-X MCS);

- Amatrice, Arquata del Tronto, Monteleone di Spoleto, Cascia, Sellano, Pescara del Tronto (grado IX MCS, distruttiva);

- Paganica, Cittaducale, Piediluco, Sassa, Concerviano, Preci, Popoli, Leonessa, Atri, Cantalice, Riofreddo (grado VIII MCS, rovinosa);

- Rieti, Borgo San Pietro, Spoleto, Castel Sant’Angelo (grado VII-VIII MCS);

- Foligno, Bagnoregio, L’Aquila, Spello, Trevi, Camerino, Monteleone Sabino, Ancarano, Poggio Mirteto, Roma (grado VII MCS, molto forte).

L’elenco parte dal grado VII MCS che rappresenta la soglia minima dei danni importanti ma, considerando i gradi più bassi della scala MCS, il semplice ‘risentimento’ del terremoto copre un’area con estremi Trento a nord (grado II MCS, molto leggera) e Napoli a sud (grado III-IV MCS, leggera-moderata).                                                     Fonte: DBMI11 (DataBase Macrosismico Italiano 2011).

Nota 3: Cfr. supra, nota 1.

Nota 4: l’epicentro della scossa del 16/01/1703 non dovrebbe essere stato molto distante da quello del 14 gennaio se si considera l’elenco  dei centri colpiti indicati nei cataloghi storici; rispetto ai centri di cui alla nota 2 non si riscontrano sostanziali differenze se non la presenza di Roio Piano tra quelli con danni pari al grado VIII MCS (scossa rovinosa).
Fonte: DBMI11 (DataBase Macrosismico Italiano 2011).

Nota 5: cfr. “Aquila, 26 novembre 1461” al seguente indirizzo: http://www.archeoclublaquila.it/news/36-aquila-26-novembre-1461.html .

Nota 6: secondo alcuni studi nel 1461 furono utilizzati baraccamenti già allestiti come ripari a seguito dei danni provocati dal violento terremoto avvenuto nel Sannio il 5/12/1456 (ANTONINI, 2010).

Nota 7: nel luglio del 1700 il vescovo di Aquila frate Ignazio De La Zerda aveva lasciato la città e si era rifugiato a Rieti (dove morì nel 1702) a seguito del bando del Viceré spagnolo che lo allontanava dai territori del Viceregno. La reggenza della sede vescovile vacante fu affidata al Vicario Capitolare Francesco Antonelli, vittima del terremoto del 2/2/1703, al quale successe il Vicario Capitolare Domenico De Benedictis, quindi il Vicario Apostolico Francesco Maria Tanzi di Matera fino alla nomina, nel 1718, del nuovo vescovo Domenico Taglialatela che, insediatosi nel 1719, pose fine alla vacanza della sede vescovile aquilana (SIGNORINI, 1868; vol. II, pp. 129-136).                       Secondo il Signorini durante il vescovado di Domenico Taglialatela fu introdotto ad Aquila il culto di Sant’Emidio, già patrono di Ascoli Piceno (SIGNORINI, 1868; vol. II, pp. 138-139).
Al Santo è intitolato l’altare nel braccio destro del transetto della Cattedrale dei Santi Massimo e Giorgio a L’Aquila.

Nota 8: cfr. supra, nota 1.

Nota 9: in base ai cataloghi storici, nel caso del terremoto del 2/2/1703 tra i centri più colpiti risultano:

- Arischia, Barete, Castelnuovo di San Pio delle Camere, Leonessa, Pizzoli, Scai di Amatrice, Scoppito (grado X MCS, completamente distruttiva);

- Cagnano Amiterno, Piedelpoggio di Leonessa, Civitatomassa (grado IX-X MCS);

- L’Aquila, Poggio Picenze, Rocca di Fondi, San Gregorio, Sant’Eusanio Forconese, Tussio, Ville di Fano di Montereale (grado IX MCS, distruttiva);

- Paganica, Poggio Santa Maria, Tornimparte, Campana di Fagnano (grado VIII-IX MCS);

- Spoleto, Campotosto, Tempera, Castellammare Adriatico (oggi Pescara a nord del suo fiume), Teramo, Tussillo, Civitella Casanova, Onna, Antrodoco, Villa Sant’Angelo, Civitella del Tronto, Collepietro, Pescomaggiore, Aragno, Coppito, Preturo, Assergi, Vallecupa di Fagnano, Rieti, Bagno Grande, San Severino Marche, Bazzano, Filetto, Santa Rufina di Cittaducale, Camarda (grado VIII MCS, rovinosa);

- Castel Sant’Angelo, Roma (grado VII MCS, molto forte).

L’elenco parte dal grado VII MCS che rappresenta la soglia minima dei danni importanti ma considerando i gradi più bassi della scala MCS il semplice ‘risentimento’ del terremoto copre un’area con estremi Milano a nord (grado II MCS, molto leggera) e Napoli a sud (grado III MCS, leggera).                                                                          Fonte: DBMI11 (Database Macrosismico Italiano 2011).

Nota 10: La popolazione di Aquila, all’epoca, doveva essere di circa 12000 abitanti o tra gli 8000 e i 10000 abitanti secondo altre stime.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Si fornisce di seguito una bibliografia essenziale che vuole essere di spunto per ulteriori e specifici approfondimenti, considerati i numerosi possibili campi di approfondimento sull’argomento (storico, archeologico, storico-artistico, socio-economico, paleosismologico, geologico, ecc.). 

 

Fonti e suggerimenti di lettura

ANTINORI A. L., Annales, Aquila 1783.

ANTONINI O., I terremoti aquilani, Tau Editrice, Todi 2010.

BAGLIVI, Opera omnia et de Terraemotu romano, Venetiis 1752; pp. 310 e seguenti.

DI GIANGREGORIO M.,  I terremoti aquilani: un excursus storico, S.l., s.n., 2009 (sul presente testo è disponibile una recensione del giornalista Giustino Parisse al seguente link: http://www.poloserviziculturaliabruzzo.it/sismaq/bibliografia/recensioni/bib9.pdf ).

JUKIC F., VACCARELLI A., VACCARELLI B., VACCARELLI M., Sulle ali dell’Aquila, Associazione Culturale «Territori», L’Aquila 1999.

MACCALLINI R., Terremoti in Aquila, in «Rivista Abruzzese», XXX, 9, Teramo 1915.

MAMMARELLA L., L'Abruzzo ballerino. Cronologia dei terremoti in Abruzzo dall'epoca romana al 1915, Adelmo Polla Editore, s.l. 1990.

MARCOTULLI C., L’analisi stratigrafica muraria e il terremoto: storia sismica degli edifici del “Quarto” di San Giovanni nella città dell’Aquila (XIV-XVIII secolo), in «VI Congresso Nazionale di Archeologia Medievale, L’Aquila 12-15 settembre 2012», Firenze, Insegna del Giglio, pp. 769-774.

SIGNORINI A., L’archeologo nell’Abruzzo Ulteriore Secondo, Tipografia Grossi, Aquila 1848 (in particolare le pagine 141-147).

SIGNORINI A., La Diocesi di Aquila descritta ed illustrata, Aquila degli Abruzzi 1868, vol. II. 

 

Link:

Bibliografia sui terremoti abruzzesi: http://www.poloserviziculturaliabruzzo.it/risorsebibliografichearchivistiche/bibliografia_terremoti_abruzzesi.pdf .

Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani dal 217 a. C. al 2002: http://emidius.mi.ingv.it/CPTI04/finestra_tutto.html .

DataBase Macrosismico Italiano 2011: http://emidius.mi.ingv.it/DBMI11/query_eq/ .

Effetti dei terremoti del 1703 a Roma: http://ingvterremoti.wordpress.com/2013/03/13/papa-e-terremoto-clemente-xi-e-i-sismi-del-1703/ .

Sismicità storica nell’Appennino umbro-reatino-abruzzese: http://www.iesn.it/index.php/sismicita-storica-dellaquilano.html .

Terremoto del 14/01/1703: http://www.piedelpoggio.it/21.pdf .


← torna alle notizie

Archivio


2018
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011